Controlli LP, liquidi penetranti a controllo della conformità dei pezzi

Un difetto evidenziato da controlli LP

Nei processi industriali, la qualità e l’affidabilità dei componenti sono aspetti irrinunciabili. I Controlli Non Distruttivi (CND) svolgono un ruolo cruciale per garantire che ogni pezzo soddisfi gli standard più elevati.
Tra le metodologie di CND, i Controlli LP, basati sull’uso di liquidi penetranti, rappresentano uno dei metodi di analisi maggiormente utilizzati nell’industria, indispensabili per evidenziare discontinuità e irregolarità.

Il principio dei Controlli LP

I Controlli LP si basano su un principio fondamentale: ovvero l’uso di liquidi penetranti per rilevare eventuali difetti superficiali.
Questa metodologia è particolarmente efficace nella rilevazione di cricche, porosità, ripiegature, strappi, cricche di fatica e di trattamento termico, difformità che potrebbero compromettere l’integrità strutturale dei componenti.

Il liquido penetrante viene applicato sulla superficie del materiale. Grazie alla sua capacità di infiltrarsi nelle discontinuità, rende visibili eventuali imperfezioni durante la fase di sviluppo.

Come avviene il test di controllo con liquidi penetranti

Il processo di Controlli LP segue una sequenza ben definita.
La superficie metallica del pezzo in esame viene accuratamente pulita per rimuovere eventuali contaminanti che potrebbero interferire con il liquido penetrante.

Successivamente, il liquido penetrante, grazie a determinate caratteristiche di capillarità, viscosità, bagnabilità e densità, viene applicato e lasciato agire per un periodo specifico.
Dopo un tempo adeguato di contatto (tempo di penetrazione), l’eccesso di liquido viene rimosso per poi applicare un rivelatore (o sviluppatore) che favorisce la fuoriuscita del penetrante dalle discontinuità, permettendo la formazione delle indicazioni che diventano visibili sulla superficie.

Controlli LP con liquidi penetranti fluorescenti

Una variante avanzata dei Controlli LP, che ha guadagnato notevole rilevanza, è l’utilizzo di liquidi penetranti fluorescenti. Questa metodologia offre un livello superiore di precisione nella rilevazione di difetti superficiali.
Durante il processo, il liquido penetrante fluorescente, contenente additivi fluorescenti altamente sensibili, viene applicato sulla superficie del campione. Successivamente, durante l’ispezione sotto illuminazione ultravioletta, i difetti emergono chiaramente, creando un contrasto distintivo rispetto alla superficie circostante.

Applicazioni e vantaggi dei Controlli LP

I Controlli LP sono ampiamente utilizzati in settori come aerospaziale, automotive, e ingegneria meccanica. La loro capacità di individuare difetti superficiali li rende ideali per garantire che ogni componente soddisfi gli standard di sicurezza e affidabilità richiesti.

I vantaggi di questa tecnica includono la sua sensibilità alla rilevazione di piccoli difetti, la sua capacità di adattarsi a una vasta gamma di forme, e la sua applicabilità sia in laboratorio che in ambiente di produzione.

La tempestività e l’efficacia nel rilevare anche le più piccole imperfezioni contribuiscono a garantire la massima qualità dei pezzi.

Frigerio Stefano: il tuo partner di fiducia nei Controlli Non Distruttivi

Per garantire la massima affidabilità e conformità dei tuoi componenti industriali, affidati all’azienda Frigerio Stefano. La nostra competenza nella conduzione di Controlli Non Distruttivi, basati su liquidi penetranti, sarà il tuo alleato nella produzione di componenti sicuri e di alta qualità.

Con un’esperienza di oltre 60 anni nella pulitura e finitura di metalli, e un parco macchine all’avanguardia, siamo pronti a offrire soluzioni su misura per le tue  esigenze.

Contattaci per maggiori informazioni sui Controlli LP o su altri Controllo Non Distruttivi.